Dove dormire a São Miguel? In una casa portoghese del ‘700

Dove dormire sull’isola di São Miguel, nelle Azzorre. In una vecchia casa del ‘700: una piscina naturale, i prodotti dell’orto, le uova fresche delle galline, le erbe aromatiche. Tutte le info nel post!

Dove: Ponta Delgada, isola di São Miguel, Azzorre

Info: Quinta do Bom Despacho 

 


Tutta presa dalla mia voglia di campagna, per il mio breve soggiorno alle Azzorre ho scelto una struttura molto carina ma soprattutto interessante per gli amanti del turismo eco-sostenibile.

Si chiama Quinta do Bom Despacho e non è facile spiegarvi questo nome in italiano:
Despacho è una di quelle espressioni che non si possono tradurre letteralmente, un’espressione che può avere diversi significati a seconda del contesto, un augurio.

Quando Jaime, il proprietario, è venuto a prenderci all’aeroporto ci ha augurato un Bom Despacho.

Ma facciamo un passo indietro, siamo agli inizi del XVII secolo e in questa vecchia casa viveva tale Gaspar Dias e a quei tempi l’Inquisizione perseguitava chi era sospettato di avere origini ebraiche.

Gaspar e la sua famiglia furono accusati di avere sangue ebreo, etichettati quindi come “nuovi cristiani”, un termine dispregiativo all’epoca che non agevolava l’integrazione nella società.

Come fare a liberarsi di quel fardello? Per sopravvivere all’Inquisizione, Gaspar aveva bisogno di un documento che certificasse la purezza del loro sangueum despacho de limpeza de sangue.

Fece un voto: se fosse riuscito nel suo intento avrebbe costruito una cappella e l’avrebbe chiamata “Eremida do Bom Despacho” per celebrare la buona notizia e con essa la liberazione persecutoria.

Solo dopo molti anni di angherie, Gaspar e la sua famiglia furono dichiarati liberi da tracce di sangue ebraico e lui mantenne la sua promessa.

Quando la famiglia di Jaime rilevò la fattoria negli anni ’80, decise di mantenere il nome in onore a Gaspar e alle buone notizie anche se, ormai, la cappella non esisteva più.

La fattoria è stata completamente restaurata mantenendo la struttura originaria, l’ingresso principale era destinato ai cavalli e non alle auto, per questo Jamie ci impiegherà 5 minuti per spiegarvi come fare manovra per entrare in cortile senza distruggere porta e auto!

Grazie all’amore per la terra, la vita all’aria aperta, il rispetto per l’ambiente e i soldi ricevuti dal Governo Regionale delle Azzore e ai Fondi Europei, Jaime e il suo team sono riusciti ad avviare la fattoria, tutta biologica e sostenibile con otto camere, sia con bagno privato sia in comune.

Noi abbiamo scelto la matrimoniale con bagno condiviso, la pulizia era impeccabile e gli spazi davvero ampi, in camera abbiamo trovato le saponette bio dentro un rotolo di carta igienica trasformato in portasapone.

In cucina trovate gli ortaggi freschi che il contadino raccoglie ogni mattina e lascia a disposizione degli ospiti. Potete cucinare  e utilizzare quello che volete, molti sono nel congelatore cosi da avere le verdurine tutto l’anno.

Per ogni camera, hanno predisposto dei tupperware, potete mettere lì la vostra spesa; per l’acqua avete le bottiglie in cucina da riempire a volontà, la differenziata vi porterà via qualche minuto e andrete in panico su “Dove butto la scorza di limone?” ma i disegni vi aiuteranno! (Forse).

 

Una cosa che ho adorato tantissimo è il cestino di vimini che ti fanno trovare in camera, con quello, partite tutte bucoliche alla volta del giardino, dell’orto, dello spazio con le erbe aromatiche e raccogliete quello che volete.
Noi ci siamo portate a casa il finocchietto selvatico, la salvia, i peperoncini…peccato avessimo solo il bagaglio a mano, altrimenti avrei preso anche la melanzana gigante.

All’esterno trovate inoltre uno spazio per il barbecue, la piscina totalmente naturale con tanto di rane che saltano al vostro passaggio, il pollaio e la serra.

 

Siete a solo 4 km dall’aeroporto, quindi se non avete noleggiato l’auto non è la struttura giusta per voi perché siete distanti dal centro città e non ci arrivate a piedi, se invece amate la campagna e l’idea di un’oasi di pace al ritorno dalle vostre perlustrazioni, è perfetta!

Unica nota negativa: la superstrada che guasta il paesaggio lato piscina e decontestualizza la quinta ma non abbastanza da farvi rinunciare a un soggiorno qui.

Valore aggiunto: Jaime consiglia due società di autonoleggio, vi viene a prendere gratis in aeroporto e l’auto la potete prendere direttamente in struttura, potete concordare ogni cosa pre partenza. Oltre a questa la sua professionalità nella puntualità delle risposte e la gentilezza squisita, lo rendono un ottimo padrone di casa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.